Australia, scandalo cricket: il capitano Smith si scusa in lacrime

Steve Smith chiede scusa a tutta l'Australia e ai fan del cricket. Il capitano della nazionale australiana, squalificato per un anno per una scorrettezza durante una partita in Sudafrica, scoppia a piangere durante la conferenza stampa tenuta a Sidney, al suo rientro in patria. "Sono profondamente dispiaciuto, amo il cricket, è stato un enorme errore di giudizio da parte mia permettere che questo accadesse", ha dichiarato l'atleta 28enne. Sabato 24 marzo, a Città del Capo, Smith, il vicecapitano David Warner e Cameron Bancroft sono stati pizzicati dalla tv mentre nascondevano nelle tasche dei pantaloni pezzetti di carta vetrata che, se sfregata sulla palla, permette di ottenere effetti imprevedibili ingannando gli avversari. Una furbata che si chiama "ball tampering". Anche Warner è stato squalificato per un anno, Bancroft per nove mesi.