Punteruolo e minacce alla cassiera, ma il rapinatore è beffato dalla farmacista

Rapinatore seriale beffato dalla cassiera. Lui chiede i soldi minacciandola con un punteruolo, lei non si perde d'animo e gli consegna solo i tagli più piccoli di contante. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma – gruppo reati gravi contro il patrimonio – presso il Tribunale di Roma, diretto dal Procuratore Aggiunto dott.ssa Lucia Lotti, hanno fermato un romano di 44 anni, incensurato, al quale sono state addebitate almeno 7 rapine, consumate o tentate, messe a segno tra gennaio e marzo scorsi ai danni di farmacie ubicate nella zona compresa tra San Basilio, Talenti e Città Giardino.

Fondamentale il contributo tecnico alle indagini fornito dai Carabinieri della VII Sezione del Nucleo Investigativo di Roma, attraverso l’elaborazione dei video delle telecamere di sorveglianza. Il rapinatore solitario, secondo le testimonianze e come si evince dai video delle telecamere di sorveglianza, entrava negli esercizi a volto scoperto e una volta arrivato in prossimità del bancone, estraeva un punteruolo acuminato – altre volte un taglierino - per minacciare farmacisti e dipendenti, costringendoli a farsi consegnare il denaro contenuto nelle casse. Ed è proprio uno di questi video a immortalare una cassiera che riesce a beffare il balordo, consegnando i tagli più piccoli del contante contenuto nella cassa, lasciando i più grossi al sicuro.