Fedez, Chiara Ferragni e il linguaggio in codice